top of page

BIOGRAFIA

Vincitore del prestigioso Kranichsteiner Musikpreis ai Ferienkurse für die Neue Musik di Darmstadt, Carlo Siega è chitarrista, artista multimediale e ricercatore.

 

In qualità di artista multimediale e autore, i suoi lavori sono stati eseguiti e sue installazioni audiovideo presentate in Italia (ArteScienza Festival di Roma, MA/IN Intermedia Festival prodotto da LOXOS Contept, Festival Teatri del Suono “Na Pragu” di Trieste, Conservatorio “F. Morlacchi” di Perugia, Venice International Art Fair 2023), Austria (Echoraum di Vienna), Estonia (Commute Festival di Tallin), Germania (Internationales Digitalkunstfestival di Stoccarda, Frequenz Festival di Kiel), Spagna (MUSAC di Léon, Santiago de Compostela, Conservatorio di Vigo) e Stati Uniti (New York City Electroacoustic Music Festival e Transporter di Boston).

 

Siega è stato insignito di riconoscimenti tra cui la Borsa di studio “S. Vinti”, Research-led Performance promossa dalla Fondazione “G. Cini” e l’Orpheus Instituut di Ghent (Belgio), Can Serrat Artistic Support (Spagna) e il supporto artistico Movin’up promosso dal Ministero della Cultura e dall’associazione GAi di Torino (2017 e 2024). Tra il 2017 e il 2018 è stato artista residente presso il Music Center Bjiloke e il teatro Voruuit a Gent (Belgio) per lo sviluppo di progetti multidisciplinari (musica, danza, performance) e multimediali, quali Body ex-tensions e Extended Resonances. Nel 2021 riceve il sostegno completo da parte del Fondo PSMSAD dell’INPS per la realizzazione del porgetto discografico IEG Project (EMA Vinci), mentre nel 2023 il suo lavoro audio-video tratto dal ciclo Surfaces & Textures riceve il Primo Premio al “Premio Nazionale delle Arti”.

 

Suoi attuali progetti ripensano il ruolo dell’interprete come performer-compositore attraverso le nuove tecnologie audio-video e multimediali, ridefinendo il concetto di riscrittura e performance attraverso un uso aumentato dello strumento e delle tecnologie multimediali audio-video (sensori, elettronica video sound-reactive, spazializzazione e AI), mentre i suoi lavori audiovideo riflettono sul rapporto spaziale (visivo e acustico) che intercorre tra il mondo reale e la sua conversione/trasformazione nel mondo digitale attraverso manipolazioni di sintesi granulare, convoluzione e campionamento, insieme a tecniche avanzate di pointcloud e di trattamento dello spazio 3D in tempo reale.

 

In qualità di ricercatore e accademico, ha tenuto conferenze presso PARL_Next Generation (Linz), Chigiana Conference 2020, XXIX Convegno Nazionale della Società Italiana di Musicologia, Method/Art Conference e Convergence Seminars (Conservatorio Reale di Anversa), IRCAM Forum & Workshops (Parigi), ‘21st Century Guitar Conference’ (Lisbona), International Conference on New Music Concepts 2021 (Treviso), Orpheus Instituut (Gent).

 

Come chitarrista e performer, si è esibito in tutta Europa, in rassegne nazionali e internazionali quali la Stagione del Teatro “La Fenice” (Venezia), Divertimento Ensemble – Rondò (Milano), al Teatro “Mario Del Monaco” (Treviso) e TransArt Festival (Bolzano), Area Sismica e Crisalide Festival (Forlì), NU Festival, Festival Teatro Aperto di Reggio Emilia, e Festival Traiettorie, Festival ElettroAQustica, Nuova Consonanza in Italia, a SMOG, Nuits de Beau Tas, Ear To the Ground Festival e Kunstenfestival des Arts in Belgio, all'Izlog Festival in Croazia, Impuls Academy Festival, Neue Oper Wien, Wiener Konzerthaus in Austria, Time for Music Festival in Finlandia, Warsaw Autumn in Polonia, Festival Ensems, Mixtur Festival, VANG Festival, SIRGA Festival, SoundSpaces Festival in Svezia, NUMU Festival (Svizzera), King’s Place di Londra (UK).  Nel 2021 è stato ospite in qualità di solista nel cartellone dei Ferienkurse für die Neue Musik di Darmstadt.

 

Siega collabora sia con interpreti e compositori per la creazione di nuovi lavori, curandone anche le drammaturgie acustiche di spazializzazione e la creazione di composizioni multimediali. I suoi partner artistici includono compositori quali Giorgio Colombo Taccani, Chaya Czernowin (Israele/USA), Klaus Lang (Austria), Simon Løffler (Danimarca), Julien Malaussena (Francia), Giovanni Mancuso, Luca Mosca, Pauline Oliveros (USA), Stefan Prins (Belgio), Rebecca Saunders (UK/Germania), Alexander Schubert (Germania), Simon Steen-Andersen (Danimarca), Frédéric Verriéres (Francia) e molti altri.

 

Ha tenuto seminari e masterclass dedicati alla nuova musica, chitarra elettrica, multimedialità e alle pratiche di re-interpretazione del ‘900 storico in chiave multimediale presso istituzioni europee quali MUSAC e l’Università di Léon, il Conservatorio Superior “Bonifacio Gil” di Badajoz e il Conservatorio di Musica “B. Marcello” di Venezia. È stato docente contrattista in chitarra elettrica per la musica contemporanea presso il Conservatorio “R. Franci” di Siena (A.A. 20/21) e di Esecuzione e Interpretazione della musica elettroacustica presso il Conservatorio “G. Cantelli” di Novara (A.A. 2022/23).

 

Attualmente è docente di Multimedialità presso il Dipartimento di Musica Elettronica del Conservatorio di Musica “A. Steffani” di Castelfranco Veneto e contrattista presso il Conservatorio di Musica “S. Giacomantonio” di Cosenza.

 

Dopo il diploma in chitarra in qualità di allievo privatista, ha proseguito gli studi in Chitarra presso il Conservatorio “B. Marcello” di Venezia (Biennio di II Livello), l’IrMus della Scuola Civica di Musica “C. Abbado” di Milano, in Belgio presso il KASK & Conservatorium di Gent – MA of Arts in Contemporary Music (Tom Pauwels di Ictus Ensemble e Jerry Galle per il  multimedia), Musica Elettronica e Composizione Multimediale presso il Conservatorio di Musica “G. Tartini” di Trieste, perfezionandosi con artisti del calibro di Stanislav Glazov e Vadim Epstein (ML/AI).

 

È laureato con il massimo dei voti e la lode in Filosofia presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Carlo 2020_B&W2.jpg
bottom of page